Perdere peso quando non si può spendere soldi per uno specialista: una dieta efficace e sicura a costo zero

Con l’arrivo dell’estate la voglia di ritornare in forma è sempre maggiore, sbarazzarsi di ampi maglioni che ricoprono il nostro corpo per lasciar libere le nostre forme. Durante l’inverno capita di appesantirsi un po’ e ritrovarsi in primavera con qualche chilo in più che proprio non vuol andar via nonostante un’alimentazione sana e leggera. Si decide così di rivolgersi ad un esperto, ad uno specialista come un dietista o un dietologo che ci aiuterà a perdere peso. A questo punto bisognerà farsi “i conti in tasca”: ogni visita effettuata di controllo ha un costo che varia dai 30 ai 70 euro e non sempre si ha disponibilità economica per pagare ogni mese questi soldi che magari utilizzeremo per bollette o altri imprevisti.

Come si fa a questo punto? Si rinuncia alla dieta? Assolutamente no! Si può fare la dieta, perdere peso senza mettere a repentaglio la salute e con soddisfacenti risultati.

Dieta con un menù vario, sano e di qualità

Un menù sano e di qualità deve essere molto vario, bisogna giocare d’astuzia e prediligere piatti combinati, con un mix di verdure o di frutta, vengono fuori dei piatti nutrizionalmente completi.

Le maggiori cause del sovrappeso sono, sempre se non ci sono particolari patologie, un eccessivo condimento, parliamo di olio e burro, consumo di porzioni eccessive di pasta e pane, cibi molto grassi, zuccheri e una vita sedentaria. Dobbiamo dire che già riducendo il consumo di questi prodotti citati, si evita di aumentare eccessivamente.

Dobbiamo fare una distinzione per quanto riguarda l’olio extra vergine. La nostra dose giornaliera non deve superare 20/30 grammi, cioè 2/3 cucchiai, anche perché l’olio extra vergine d’oliva è importante per la nostra salute sia come idratazione corporea che assicurare il lavoro intestinale. È inutile dire che dobbiamo fare attenzione a comprare olio extra vergine d’oliva di qualità, quelli che costano poco non possono mai avere una buona qualità nutrizionale.

Dieta: primi piatti

La pasta è un piatto salutare, le porzioni però non devono superare i 50/60 grammi, condita con un cucchiaio di olio a crudo, ed associando a pranzo e a cena, un secondo o dei legumi con verdure, si ha garantiti una qualità nutrizionale e l’appagamento del senso di sazietà. È inutile dire che la pasta fatta in casa è più economica e anche più buona.

Come primi piatti possiamo avere: gnocchi con rucola, tortelli di zucca, sformato di riso e carote. A questi piatti si possono abbinare carne bianca, mista o pesce in alternanza per due volte alla settimana. Poi se volete variare ancora, potete prendere in considerazione le uova, la ricotta di pecora, meglio fresca.

Dieta: secondi piatti

Come secondi piatti possiamo avere: zucchine ripiene di vitello magro, tortino salato di zucchine, crocchette di lenticchia, polpette di legumi, cotoletta di melanzane.

Per finire Dolci e merende

Frutta per dolci e merende: purea di pesche, dessert di ricotta e limone, purea di banane, dessert di ricotta e cacao.

Perfetta direi: zero costo e risultato assicurato!

CONDIVIDI SE TI E' PIACIUTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright©