Eseguiti test su 25 marche di passate di pomodoro: trovati peli di topo anche in alcune note e sponsorizzate marche. Le migliori quelle vendute a 50 centesimi.

Numerosi i controlli eseguiti su delle note marche di passata di pomodoro e anche su quelle vendute a basso prezzo: Altroconsumo informa quali marche non sono risultate idonee per irregolarità e risultano indagate.

Da molti anni i consumatori chiedono chiarezza sul contenuto della passata di pomodoro poiché tutti vogliono essere sicuri di poter consumare e preparare del ragù tipico italiano, fatto con della passata ottenuta da pomodori di qualità.

Altroconsumo pertanto ci informa che molte marche sono state indagate, anche le più sponsorizzate, perché utilizzavano pomodori importati da paesi esteri.

Ogni passata di pomodoro deve avere dei determinati criteri qualitativi per essere “etichettata” come idonea al consumo e ciò lo si può capire solo dopo numerosi test eseguiti dal personale di controllo. Che sia passata di pomodoro imbottigliata, liofilizzata, aromatizzata, surgelata o semplicemente ingrediente secondario di un preparato già pronto, deve necessariamente contenere prodotti puliti, senza marciture e coltivati in terreni sani e lontani da pericoli di inquinamento.

Eseguiti i test: ecco cosa hanno scoperto

Sono molti i test eseguiti sui prodotti messi in commercio già dall’anno 2009 ed è proprio da questa data che alcune marche non risultarono “in norma” per la composizione analizzata della passata presa sotto esame. E’dal 2009 pertanto che le note marche pubblicizzate sono analizzate con più frequenza per verificare se da quel momento, le aziende, hanno applicato le dovute cautele igieniche.

I test analizzavano criteri di notevole importanza:

  • Livello di maturazione dei pomodori
  • Presenza di residui di terreno
  • Difetti del prodotto
  • Presenza di acqua
  • Igiene

Raccapricciante e a dir poco disgustoso ciò che è stato ritrovato all’interno della passata di pomodoro di note marche: Peli di roditore e grande quantità di acqua aggiunta.

Acqua aggiunta

E’ vietato aggiungere dell’acqua nel passato di pomodoro poiché deve essere venduto al consumatore in stato concentrato.

Igiene

L’esame per verificare la presenza di frammenti di insetti, terreno, serve per assicurare al consumatore di acquistare un prodotto sano e pulito e di consumarlo senza problemi sulla salute.

Solo 3 solo le marche che sono state bocciate, tra le 25 analizzate e sono appunto marche molto pubblicizzate.

Passata di pomodoro venduta a basso costo, in molti discount anche a 50 centesimi, risultavano idonee e hanno superato tutti i test brillantemente a differenza delle note marche che poi sono state indagate per irregolarità igienica.

Tra le marche analizzate ricordiamo:

  • Auchan
  • Ca’dell’orto
  • Carrefour
  • Cirio
  • Conad
  • Coop
  • De cecco
  • Divella
  • Esselunga
  • La Doria
  • Mutti
  • Pomì
  • Santa rosa
  • Sapore vero
  • Star
  • Valfrutta

Non sempre il prezzo è sinonimo di qualità, diffidate dall’eccessiva pubblicità.

Per verifica le marche sicure sulla pagina relativa di Altroconsumo cliccate QUI

CONDIVIDI SE TI E' PIACIUTO

Autore dell'articolo: Claudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*