Dal 2019 pensioni più alte: tornerà la rivalutazione delle pensioni e saranno adeguate al costo della vita. Ecco le novità

Da primo Gennaio 2019 ci saranno delle novità in materia pensionistica, infatti, è prevista una rivalutazione dei trattamenti previdenziali; tale riforma porterà un incremento delle pensioni che saranno pertanto adeguate ad un costo di vita più alto come confermato dai dati dell’ISTAT.

Tale adeguamento non prenderà in considerazione pensioni che già risultano per 6 volte superiori al minimo, come ha affermato la Corte Costituzionale.

Fase transitoria: ecco cosa prevede nello specifico la riforma

Dopo aver bloccato la “perequazione” con la riforma Fornero del 2011, ora finalmente ci sarà una fase transitoria che durerà fino alla fine del corrente anno.

Attualmente sono 5 gli scaglioni di reddito che diventeranno 3 già dal prossimo anno.

Facciamo degli esempi per capire: se un pensionato percepisce una pensione inferiore al minimo INPS pari a 507 euro, avrà diritto ad una rivalutazione del 100 %.

Cosa accadrà pertanto dal 1 Gennaio 2019 nello specifico?

La categoria dei pensionati sarà divisa in 3 gruppi ovvero in 3 fasce di reddito. Essi otterranno:

  • Rivalutazione al 100 % per pensioni inferiori a 3 volte il trattamento minimo
  • Rivalutazione al 90 % per pensioni comprese tra 3 e 5 volte il trattamento minimo
  • Rivalutazione al 75 % per pensioni superiori a 5 volte il trattamento minimo.

La vera novità è che da questa rivalutazione saranno escluse le pensioni alte e superiori a 6 volte il minimo e ciò lo conferma la Corte Costituzionale. Pertanto saranno favoriti incrementi solo sulla categoria dei più deboli.

In tal modo si cercherà di tutelare il potere d’acquisto e saranno attuati i principi di adeguatezza e proporzionalità, destinando gran parte delle risorse finanziarie ai pensionati con reddito stentato e inadeguato.

Auguriamoci che il nuovo anno porti a gran parte dei pensionati un sorriso in più e una vita dignitosa dopo molte riforme passate che non hanno aiutato la categoria dei deboli ma che hanno solo incrementato le tasche dei ricchi.

CONDIVIDI SE TI E' PIACIUTO

Autore dell'articolo: Claudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*