Bambina di cinque anni paralizzata dopo una puntura di zecca: non è il primo caso

Kailyn è il suo nome e così piccola, ha soli 5 anni, ha dovuto affrontare un vero e proprio incubo.

Palizzata dopo un morso di una zecca – ecco l’esito dei medici che l’hanno visitata subito dopo la corsa al pronto soccorso della madre disperata e incredula.

La bambina si era alzata come tutte le mattine per andare all’asilo ma di lì a poco le sue gambe hanno ceduto, paralizzate, non eseguivano alcun movimento, non si reggeva in piedi.

Mentre la pettinava per portarla dal medico, ha notato tra la chioma una puntura sulla cute prima inesistente; un piccolo insetto camminava sui capelli e la madre coraggiosa, dopo averlo chiuso in un sacchetto, l’ha consegnato al personale medico.

Immediati i soccorsi presso l’ospedale di Grenada, nel Mississippi e istantanea la TAC che ha confermato l’esito: la piccola era paralizzata dal veleno della zecca che aveva tra i capelli.

La madre ha postato foto su Facebook che stanno facendo il giro del mondo per raccontare il terrore vissuto e aiutare glia altri genitori a stare attenti.

Non è il primo caso purtroppo: numerose le testimonianze.

A raccontare lo stesso episodio è una donna spagnola, Rachel Davies che è rimasta paralizzata per 2 anni.

Durante questi lunghi mesi, sembra che la donna sia stata costretta a nutrirsi con una cannuccia e a convivere di continuo con dolori forti alla testa.

La sua paralisi facciale era la conseguenza della puntura di quel terribile insetto che le ha trasmesso la malattia di Lyme. Perdita di parola, emicrania, visione offuscata, difficoltà a deglutire, stanchezza cronica, questi i sintomi avvertiti e che peggioravano giorno dopo giorno.

Un incubo senza fine per 2 persone distinte, di nazionalità diverse ma che fanno paura allo stesso modo.

We had a bit of a scare this morning! Kailyn woke up and couldn’t walk! I was just thinking that her legs were asleep…

Pubblicato da Jessica Griffin su mercoledì 6 giugno 2018

 

CONDIVIDI SE TI E' PIACIUTO

Autore dell'articolo: Claudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*